Verso il Giappone

Avevo voglia di parlarvi della mia esperienza in questo malnato Partito Democratico e della mia nottata trascorsa al seggio (son tornato a casa quasi alle 4), delle schede sbagliate, dei ritardi di scrutinio, delle file interminabili con le risse incorporate, della cabina elettorale che cabina non era e delle preferenze decise a quattro e financo a sei mani ma poi, la vita, la realtà , cosà come gli eventi e le brutte notizie hanno preso il sopravvento (che qui sul blog, viceversa, si gioca e si ride). Sarà , dunque, per un’altra volta.
Adesso mi sento solo di augurare buon viaggio a chi, in famiglia e tra poche ore, prenderà  un volo aereo per raggiungere il Sol Levante: che la terra dei samurai vi sia ospitale, nonostante tutto.

P.s.
Sebbene la scritta sotto reciti l’esatto contrario, i commenti per questo post sono disattivati.