Si parte già trombati vol.2

Sottotitolo: Prove tecniche di costruzione del partito democratico (pd).

Stamattina ho ricevuto il seguente sms:

Per un guasto Tecnico (con la prima lettera maiuscola, chissà poi perché, ndr) i fax-simile (sic!) di collegio saranno pronti giovedì mattina al Comitato. Scusate.

Praticamente abbiamo a disposizione solo due giorni per illustrare ai cittadini del mio collegio come si vota mostrando loro la scheda fac simile. Anzi, più precisamente le schede, perché il 14 Ottobre, in occasione delle elezioni dell’Assemblea Costituente Nazionale del futuro partito democratico, le schede da compilare saranno due: una (di colore azzurro) per l’Assemblea Costituente Nazionale, l’altra (di colore grigio) per quella Regionale. Si vota mettendo una croce su una sola delle liste. Il contributo minimo per votare è pari a un euro (ma queste cose, voi uomini di mondo già le sapete).
Menzionato ciò, posso dire con certezza che il Comitato organizzativo, in Campania, per la candidatura alla segreteria del pd del ministro RB sembra essere un po’ stanco (il messaggio di cui sopra ne dà una buona prova) e la lotta impari contro il caterpillar di Uòlter sta esaurendo, al di là di ogni ragionevole misura, tutti i velleitari competitor del Sindaco della Capitale. Le persone, però, che formano i gruppi di supporto della ministra, delle quali solo indirettamente faccio parte e senza tra l’altro alcun merito, vanno comunque elogiate. Sono tutte encomiabili – questo va detto – perchè nonostante il certo scoppolone che si sta delineando, continuano indefessamente a metterci la loro profonda passione e il proprio credo (è il caso di dirlo) per portare avanti lo sfigato carrozzone bindiano. Di questo, domenica scorsa, ho avuto la conferma (siamo degli outsider, nemmeno tanto pericolosi, ma che ci sono solo per il gusto di esserci): in occasione di uno dei vari incontri a cui si stanno sottoponendo i diversi candidati, il ministro della famiglia ha conosciuto un manipolo di propri sostenitori i quali, a vederli bene in faccia, sembravano tanti Don Chisciotte. Tutti buoni propositi, ma nulla di più. Poi, si era in pochi nonostante la potenza di fuoco a cui ero abituato in passato quando a raccolta venivano chiamati quelli dell’AC [1] e quelli di CL [2]. Tra i presenti, con tutte le dovute differenze, c’ero anch’io, capitato là, diciamolo pure, quasi per caso. Con lo sguardo tra lo spaesato e il divertito mi sono reso conto che è appassionante vivere la stagione della politica dal basso, della partecipazione organizzativa minoritaria, ma trovarmi a stretto contatto con quelli di CL, dell’AC e di quant’altro sia anni luce lontano da me, non l’avrei mai immaginato. E’ proprio vero, allora, che le vie del signore sono infinite.

[1] Azione Cattolica
[2] Comunione & Liberazione


Aggiornamento a meno di 48 ore dal voto:
Il sogno di Leonardo, che è un po’ anche il mio, per dire.

technorati tags: ,

4 pensieri riguardo “Si parte già trombati vol.2

  1. storie spero che ti sia capitato di leggere il post dell’illuminato Leonardo. Il ragazzo, tra una provocazione ed un’altra, non ha tutti i torti.

I commenti sono chiusi