Com’è andata?

Bene, direi.
Come il classico primo giorno di scuola, ho seguito diligentemente tutto e tutti: le presentazioni, le visite guidate, i consigli, i messaggi aziendalistici del tardo medioevo e quelli provenire dall’alto, dai capi, a reti unificate. Insomma, la solita musica (e a dir la verità non è che mi aspettassi qualcosa di diverso, anzi).
In questi primi giorni, il mio nuovo lavoro ha mostrato subito un aspetto per nulla atteso (al quale, credo, sarà difficile abituarsi): tentare di riuscire a lavorare con il continuo e incessante prurito dovuto alle punture di zanzare (ad ottobre?). Già , perchè al di là di una certa ora, al pomeriggio, è un si salvi chi può. Quegli stupidi insetti raccolti in battaglioni ad ampie schiere, occupano prima militarmente l’intero edificio e poi baldanzose raggiungono fameliche le mie carni, lasciando per tutto il mio corpo segni evidentissimi. A quanto pare sono la loro vittima preferita e ancora adesso, mentre scrivo e non sono più in ufficio, sono qui a grattarmi da far schifo.

technorati tags: ,

10 pensieri riguardo “Com’è andata?

  1. >Ed no, ma tengo buono il tuo suggerimento. Se continua così dovrà sicuramente immunizzarmi.

    >grisbi non si puà mai stare tranquilli. Questi (sempre gli stessi) all’improvviso mi hanno prelevato e trasferito. Così… tanto per gradire. Speriamo bene.
    Il blog serve soprattutto a questo, a farsi i cazzi di tutti quanti.
    Ma torni sul suolo italico?
    Ne sei certo di voler ritornare in questo bordello italiota? 😀

  2. Ciao Pablo leggo solo ora del cambiamento.
    In bocca al lupo per il nuovo lavoro.

    Cazz… le mie fonti non mi avevano ancora informato!
    Ma forse il blog serve anche a questo: a farci i cacchi tuoi!

    In effetti sono in fase di cambiamento anche io, da novembre ricomincio a parlare itagliano 🙂

    Ciao.

    PS oggi chiedo ragguagli alla mia informatrice!

  3. >elisewinfox ho paura che dovrà aspettare parecchio, allora, visto che non hanno intenzione di assumere più nessuno. 🙁

    >Mr Cima che ne dice di una collega? Faccio un giro e vedo di cambiare scrivania, dai. 😀

    >chit la zanzara akismet ti aveva bloccato, sorry.
    Per l’adozione, voglio vedere prima i documenti ché senza le carte in regola non posso andare da nessuna parte. 🙂

    >puntoeacapo io quel libro davvero lo prendo, giuro, che di questi tempi servono consigli tosti. 😉

    >Patty avrei bisogno di qualche suggerimento, certo il sangue non posso cambiarmelo, dunque che faccio? Le stermino? Cambio di nuovo lavoro? 😀

    >Lapilli lo sospetto anch’io, quell’uomo manco una bonifica è stato in grado di fare. Ci sono zanzare ovunque. 🙂

  4. qui non c’è ne sono più di zanzare… e dire che io abito in pianura padana.

    Ma siamo sicuri che durante il fascismo la zona è stata bonificata??! 😉

  5. in effetti è pieno di zanzare anche qui, ma io devo aver il sangue cattivo perché a me non mi beccano mai vanno tutte dal mio piccolo andrea

  6. Beh caro Paolino, credo che mai come in questo momento possa esserti di conforto questa lettura che già ti ho consigliato qualche mese fa.
    Come si dice mal comune mezzo gaudio.

  7. Eccerto che vengono da te… sei “carne nuova” hi hi hi 😉

    Pazienta, appena sarà assunto qualcuno di nuovo, ti lasceranno in pace 🙂

I commenti sono chiusi