Un incontro atteso un anno

Quello di sabato scorso è stato un incontro che personalmente aspettavo da circa un anno. Da quando, in una ventilata notte trascorsa sul litorale laziale, ascoltai dal mio piccolo lettore mp3 questo racconto. N’è passata di acqua sotto i ponti da quella notte in cui, a causa degli argomenti ascoltati, fino a mattina inoltrata non chiusi occhio.

Alessandro Iacuelli, da quel giorno, per me, attraverso il suo blog, ma non solo, è diventato un punto di riferimento e una lettura quotidiana alla quale non è possibile rinunciare per chi vuole capire e conoscere sempre meglio cosa cazzo sta succedendo alla nostra terra.
Finalmente, come dicevo, sabato scorso, in occasione della presentazione del suo libro, ci siamo incontrati e salutati come se ci fossimo sempre conosciuti. Una vera gioia fare la sua conoscenza di persona.
Alex, grazie ancora per l’impegno con il quale ci informi su quanto ci circonda.

– L’incontro

Per i dettagli sulla cronaca dell’evento, sugli interventi dei partecipanti e quant’altro, vi rimando al resoconto riportato dagli stessi organizzatori de il mediano.it e dai blogger conosciuti nella circostanza: l’organizzatissimo e spiritoso Mister Cima ed il vivace e preciso Fraba.
A dire la verità  non tutto è filato per il meglio, e molti aspetti sono stati lasciati al caso, soprattutto a livello organizzativo. La presenza di alcuni esponenti politici tra gli invitati a dire la loro è stata una scelta a mio giudizio infelice e velletaria, in quanto ha portato soltanto la discussione con la platea – composta da interessati cittadini -, in alcuni momenti, ad un livello di nervosismo al limite del tollerabile. Ma, se proprio dobbiamo tirare le classiche somme, possiamo dire che l’intervento di Alessandro è stato molto efficace.
Ho condiviso molto il suo pensiero quando, a braccia aperte, ha sostenuto:

– Signori, diciamoci questa verità : la Camorra ha già  vinto!
– Siamo già  da due anni di fronte ad un allarme sanitario. Oggi è possibile parlare, senza alcun timore di essere smentiti, di disastro ambientale.
– C’è stato negli ultimi anni un sensibile abbassamento dell’età  di coloro che si ammalano di tumore.
– Stiamo assistendo ad un aumento delle malformazioni fisiche dei nuovi nati in queste terre.

Quando, in conclusione del suo primo intervento, ha sottolineato l’inettitudine del mondo editoriale italiano, che ha fatto sempre orecchie da mercante di fronte all’eventualità  di pubblicargli il libro – possibilità  avuta solo a condizioni indicibili -, ho pensato: e con questo il cerchio si chiude.

technorati tags: , ,

7 pensieri riguardo “Un incontro atteso un anno

  1. Ragazzi penso che sia arrivato il momento di unirci e di creare un collegamento ed un dialogo reale tra noi cittadini e le istituzioni..questo è l’unico passaggio da compiere per poter sperare di risollevare le sorti di una regione che è collassata

  2. >Cima disponibilissimo per la Z-pizza, dobbiamo individuare solo una data adatta per tutti.
    Quanto alle mie tag, il pensiero gramsciano che si cela dietro è sempre attuale.

    >Ed purtroppo ci sono state e anche parecchie. Ma lui resiste e noi con lui.

    >fraba come ho già scritto sul tuo blog, non perdiamoci di vista altrimenti non sarà servito a nulla aver ascoltato quelle parole.

    >Alex si farà e anche molto presto. Ci contiamo. 😉

    >Gabriele i disastri ambientali compiuti negli ultimi trent’anni ce li ritroveremo in qualsiasi forma sui nostri figli e nipoti. Nascere sani: è questo un vero miracolo.

  3. Non solo nascono bambini malformi, ma quelli sani crescono male: i ragazzini di primo e secondo liceo che vedo nella mia scuola sono gracilissimi, e non credo sia un caso…

  4. Ovviamente voto incondizionatamente per la Z-pizza!
    Io sarà dalle vostre parti nel w-e del 19 ed in quello successivo.
    Insomma, fatemi sapere 😉

  5. Non vi nascondo che quanto vissuto sabato mi ha molto turbato ergo, tocca meditare: tutti.

    Ma sopratutto, bisogna agire. Unendo le forze e gli sforzi. Raggrupando le idee ed organizandoci attraverso un obiettivo comune.
    La Z-pizza quindi, è da farsi, ed al più presto.

  6. Meno male che ci sono persone come lui e Roberto Saviano. Mi domando se non l’avranno ancora minacciato, Alex 🙁

I commenti sono chiusi