E con questa sono tre

E’ la terza volta che mi succede. Non ne posso più. La solita scena: mi reco all’ufficio postale, porgo il bancomat, e la voce (non tanto sorpresa) della signora che mi fa:

– spiacente, signore, ma la sua carta è inutilizzabile perchè è stata smagnetizzata.
– E no! Di nuovo! Puttana la grandine (nonno ti ringrazio), non vorrà  mica dire sul serio?

technorati tags: ,

12 pensieri riguardo “E con questa sono tre

  1. Alex esatto (sia per la prima che per la seconda considerazione). Anche se presto o tardi, il dado (quello del monopoli, di colore blu) che porto sempre con me nella tasca sinistra, andrà truccato con un bel piccolo magnete al suo interno.
    Del perché io porti un dado in tasca, be’, questa è un’altra storia. 😀

  2. Ma non ci credo che hai le calamite in tasca… A meno che le calamite non sono sulle ciappe per la chiusura delle tasche stesse…

  3. >ed dici bene, mi auguro solo che il 4 non venga…

    >gidibao sei gentile.
    Come ti dicevo qualche giorno fa, talvolta mi diverte di più inserire le tags impossibili che scrivere i post. 😉

  4. >Alex mi sto scervellando. L’unica causa che intravedo, per ora, potrebbe essere legata alla presenza di calamite nelle mie tasche. Ma poi, pensandoci bene, che diavolo ci facciano dei magneti – seppur piccoli – nelle mie tasche, questo lo ignoro.

    >Chiara è vero. Ma cerco di essere più preciso: credo di avere la tasca del pantalone ad un livello di carica elettrostatica al di sopra di ogni ragiovevole valore. 🙂

    Sarà per uno strano esperimento da laboratorio che sto portando avanti?

    >Sonia sono un provocatore indefesso.
    Grazie per il sostegno.

    >Miss Piperita benvenuta in questa nuova e umile Biblioteca.

  5. A fare certi post, per poco, non ti si smagnetizzava anche il nuovo blog. 🙂
    Adesso vedo con piacere che rifunziona…

I commenti sono chiusi